Menu' Veloce

Tutti a Legoland, vicino a Monaco!

Blog 15 Feb 2019

Tutti, almeno una volta nella vita, abbiamo giocato con i LEGO, quei simpatici mattoncini colorati che si incastrano l’uno con l’altro a creare qualunque cosa ci passi per la testa. È noto a tutti che i LEGO sono uno dei giochi più famosi al mondo, così famosi che vi sono dei parchi divertimenti dedicati sparsi per il mondo.

In Europa attualmente ve ne sono 3 di cui uno si trova in Germania, a Günzburg, a circa un’ora/un’ora e mezza di treno da Monaco di Baviera.

Legoland-Entrata

 

Legoland: storia di un mattoncino destinato al successo

Nel 1916 Ole Kirk Kristiansen fonda una falegnameria a Billund in Danimarca. All’inizio si occupava della costruzione di abitazioni e arredi per le fattorie della regione. Nel 1924 la falegnameria fu danneggiata per un grave incendio scatenato accidentalmente da uno dei suoi figli. Kristiansen non perde tempo e ricostruisce l’azienda e per risollevarsi dalla crisi comincia a costruire giocattoli di legno in aggiunta al suo lavoro.

Nel 1934 Kristiansen conia la parola LEGO unendo le parole danesi “Leg godt”, che si traducono in “gioca bene”. Qualche anno più tardi introduce la plastica nella propria produzione e fu creato il primo giocattolo modulare: un camion scomponibile formato da elementi diversi che si potevano assemblare fra di loro tramite incastro. Successivamente questi elementi prendono la forma dei veri e propri mattoncini.

Nel 1947 Ole e il figlio Godtfred creano i primi esemplari di mattoncini assemblabili ispirandosi alla produzione della società Kiddicraft brevettati da Hilary “Harry” Fischer Page.

Nel 1949 LEGO inizia la sua produzione chiamandoli Automatic Binding Bricks, questi mattoncini sono composti con acetato di cellulosa e sviluppati secondo la tradizione dei blocchetti sovrapponibili in legno dell’azienda. Nel 1953 cambiano nome in LEGO Mursten (mattoncini LEGO). Nel 1963 si abbandona l’uso dell’acetato di cellulosa in favore di un composto più stabile usato ancora oggi, la plastica ABS. Questo materiale risulta atossico, meno soggetto a deformazione e perdita di colore, più resistente al calore, agli acidi e altri agenti chimici. I nuovi mattoncini, 50 anni più tardi, conservano ancora la loro forma e colore e possono ancora essere usati per assemblarli con le attuali produzioni di mattoncini.

Il 7 giugno 1968 a Billund si inaugura il primo parco a tema Legoland, con modellini di città in miniatura interamente costruiti con pezzi di LEGO. Il parco aveva una grandezza di 12mila metri quadrati e nei vent’anni successivi all’apertura fu allargato fino ad avere una dimensione 8 volte più ampia della grandezza originale. Nello stesso anno si conta una vendita di 18 milioni di confezioni LEGO.

Nel 1969 cominciano la produzione dei LEGO Duplo, una produzione rivolta ai bambini più piccoli con mattoncini di dimensioni più grandi degli originali, e quindi più sicuri. Questi mattoncini più grandi erano comunque compatibili con gli originali in modo tale che si assisteva a un passaggio graduale dei modelli durante la crescita.

Durante gli anni si sono poi sviluppate altre produzioni, dai LEGO Primo, LEGO Technic, LEGO Mindstorms, seguiti anche da produzioni basate su film e videogiochi come LEGO Batman, LEGO Star Wars, LEGO Pirati dei Caraibi e tanti altri.

I Legoland nel mondo

Attualmente vi sono 7 parchi a tema LEGO sparsi per il mondo, di cui 3 solo nel Vecchio Continente. C’è da dire però che il marchio LEGOLAND non appartiene completamente all’azienda danese, ma per il 70% è di proprietà della compagnia britannica di parchi di divertimento Merlin Entertainments.

Il parco più antico è, come detto in precedenza, quello danese di Billund e attualmente è suddiviso in 10 aree: Duplo Land, Imagination Zone, LEGOREDO Town, Adventure Land, Miniland, Terre dei Pirati, Lego City, Regno dei Cavalieri, Terra Vichinga e Terra Polare.

Nel Regno Unito, a Windsor, dal 1996 si trova un altro parco a tema, al quale dal 2010 furono introdotte 12 aree del parco.

In Germania, tra il 1973 e il 1976 si poteva visitare il secondo Legoland dopo quello danese. Il parco si trovava nel nord della Germania, a Sierksdorf. Nel 1976 il parco fu venduto e cambiò nome nell’attuale Hansa-Park. Nel 2002 venne però inaugurato un nuovo parco a tema, questa volta però nel sud della Germania, a Günzburg, città a metà strada tra Monaco e Stoccarda. Il nuovo parco si estende su una superficie totale di 140 ettari e comprende diverse aree tra cui il Miniland, la Terra dei Pirati, il Regno dei Cavalieri, il Regno dei Faraoni e il Ninjago World, con un’attrazione speciale in 4D che vi permette, con il solo uso delle mani, di lanciare palle di fuoco, lampi e getti di ghiaccio e aria contro nemici virtuali fino a diventare un vero e proprio ninja.

Uscendo dall’Europa si può trovare un Legoland in Malesia, negli Emirati Arabi o negli Stati Uniti a Carlsbad (California) e a Winter Haven (Florida).

Lego- Fabbrica

 

Legoland: informazioni utili

Legoland Deutschland apre i cancelli ad aprile per poi chiuderli verso i primi di novembre.

È già possibile prenotare i biglietti sul sito ufficiale e usufruire così di uno sconto speciale. I biglietti sono suddivisi in:
– singolo: adulto (da 12 anni) 37.80€ (online già scontato); bambino (3-11 anni) 33.50€ (online già scontato).
– Family-ticket 4 persone: 34€ a persona (136€ 4 persone).
– Family-ticket 5 persone: 31€ a persona (155€ 5 persone).

Da Monaco di Baviera si arriva al parco prendendo il treno in direzione per Günzburg, giunti in stazione troverete un servizio navetta che vi porterà direttamente al parco.

The following two tabs change content below.

Krizia Ribotta Giraudo

Giornalista, blogger e autrice con la passione per il cinema, la lettura e i viaggi. Pubblica articoli dal 2010, da quando ha iniziato a scrivere per giornali e blog italiani e americani, con cui continua a collaborare. Autrice di un libro per il sociale, sta per esordire come travel blogger con il suo primo ebook dedicato interamente a consigli, recensioni e confidenze sui viaggi.

Ultimi post di Krizia Ribotta Giraudo (vedi tutti)

← La Frauenkirche, la cattedrale di Monaco di Baviera Esplorare Monaco di Baviera: come farlo in modo alternativo →

Lascia un commento

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.