Menu' Veloce

La Strada delle Fiabe: 664 km per sognare con i fratelli Grimm

Blog 07 Lug 2019

Una località che ultimamente sembra essere molto valorizzata dai turisti è senza dubbio la Strada delle Fiabe, in Germania. Si tratta di un itinerario di circa 650 km (664 per l’esattezza) lungo il quale si possono incontrare più di 50 luoghi descritti dai fratelli Grimm nelle loro celebri fiabe. Da Il gatto con gli stivali a I musicanti di Brema, da Cenerentola a Raperonzolo, da La bella addormentata nel bosco a Biancaneve, da Hänsel e Gretel a Pollicino: questi i protagonisti delle storie contenute nella raccolta Fiabe dei bambini e del focolare, che sono state scritte ben due secoli fa.

La strada delle fiabe - Cappuccetto Rosso

Lungo la strada che da Hanau arriva a Brema, è possibile visitare alcuni delle ambientazioni che sono poi successivamente state valorizzate sul grande schermo dalla Disney, e che sono diventate famose per intere generazioni.

In particolare, ad Hanau, città natale dei Grimm, fino al primo luglio è possibile assistere al Festival delle fiabe,  durante il quale vengono rappresentate le varie favole nel suggestivo anfiteatro situato vicino al castello Philippsruhe. Evento che viene in parte replicato a Kessel, dal 18 luglio al 18 agosto, durante il Festival dei fratelli Grimm, in cui le storie vengono riproposte sotto forma di musical.

Chi non riesce a partecipare a nessuno dei due eventi può tranquillamente studiarsi un percorso lungo la Strada delle Fiabe, scegliendo tra diverse soluzioni, in base al tempo che ha a disposizione.

La Strada delle Fiabe: le tappe immancabili

La Strada delle fiabe - mappa

Un must è sicuramente la cittadina medievale di Marburg, in cui è stato tracciato il sentiero Grimm-Dich-Pfad, che si snoda nella parte vecchia e offre la possibilità di sostare in 14 tappe previste nel centro storico, in cui i personaggi delle storie sono appesi alle case, lungo i muri della città e sulle scalinate.

Da lì, si può proseguire per Christenberg, dov’è stata ambientata la storia di Hänsel e Gretel, e si può attraversare il bosco che circonda Schwalmstadt, che ha ispirato Cappuccetto Rosso. Nel centro del borgo è stato allestito un museo con i costumi che richiamano i vari personaggi della fiaba, tra cui la mitica mantella rossa della protagonista, gli abiti del cacciatore e quelli della nonna.

Poco più avanti, proseguendo verso nord, si arriva a Hofgeismar, che ospita il castello di Sababurg, l’ambientazione de La bella addormentata, che al sabato pomeriggio, alle 16.30, mette in scena un’interessante rivisitazione in costume della storia, riuscendo a trasportare in quel mondo magico di fate, cavalieri e principesse sia i grandi che i piccini.

Gli amanti de Il gatto con gli stivali rimangono letteralmente a bocca aperta quando arrivano a Oberweiser, la celebre cittadina tedesca che sembra uscita da un cartone animato. Suggestivo, curioso, divertente e decisamente fuori dal comune, questo è anche il posto in cui è stata ambientata, seppure in parte, la favola di Biancaneve.

Il castello di Cenerentola è ancora più avanti, diroccato in cima ad una collina, a Burg Polle. Da visitare assolutamente d’estate, quando vengono organizzate le rievocazioni in costume ed è possibile sognare ad occhi aperti.

La Strada delle fiabe - pifferaio

Prima di arrivare a Brema, ultima tappa da percorrere, si passa per Hameln, dov’è stato ambientato Il pifferaio magico, e dove c’è la celebre fontana dell’acchiappatopi, davanti a cui non si può non scattare una foto ricordo, magari dopo aver assistito alla rappresentazione della storia, che consiste in una sfilata suggestiva in costume per le vie del centro del paese. Evento, questo, che si svolge ogni domenica a mezzogiorno da maggio a settembre.

Per concludere l’interessante tour, ecco che si arriva a Brema, in cui, davanti al municipio, c’è la famosa statua di bronzo dell’asino, del cane, del gatto e del gallo. Disposti uno sopra l’altro, come vuole la storia. Anche qui una foto ricordo è il minimo, specie se non si ha il tempo di incontrare i quattro musicanti in carne ed ossa, ovvero quelli interpretati dagli attori della compagnia locale che, ogni domenica a mezzogiorno, fino al 25 settembre, nella cornice del quartiere di Dormshof, fanno rivivere i quattro animali amanti della musica che, scappati da casa, si sono uniti alla banda cittadina.

The following two tabs change content below.

Krizia Ribotta Giraudo

Giornalista, blogger e autrice con la passione per il cinema, la lettura e i viaggi. Pubblica articoli dal 2010, da quando ha iniziato a scrivere per giornali e blog italiani e americani, con cui continua a collaborare. Autrice di un libro per il sociale, sta per esordire come travel blogger con il suo primo ebook dedicato interamente a consigli, recensioni e confidenze sui viaggi.

Ultimi post di Krizia Ribotta Giraudo (vedi tutti)

← Dopo l'Oktoberfest, è tempo di Auer Dult Serie TV e film a Monaco: le location curiose →

Lascia un commento

x

Informativa sui cookie

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.